Alberto Viriglio, poeta dialettale della vita antica torinese

da | Personaggi Torinesi

A pochi metri dall’ingresso del Municipio di Torino, una lapide commemorativa ricorda Alberto Viriglio, poeta dialettale nato a Torino il 17 febbraio 1851 e diventato celebre per il suo lavoro come indagatore e storiografo delle tradizioni piemontesi.
Attento studioso della vita e delle caratteristiche degli abitanti della sua regione, il suo lavoro di ricerca e raccolta ha permesso all’illustre poeta di catalogare un’immensa quantità di proverbi, filastrocche, modi di dire e usanze  dei piemontesi e dei suoi concittadini torinesi.
L’impegno e la dedizione di Alberto Viriglio hanno permesso di consolidare e tramandare ai posteri tutti quei elementi che collaborano a costituire la memoria comune dei piemontesi e che probabilmente sarebbero andati dispersi nell’oblio del tempo.
Durante la sua vita collaborò con La gazzetta del Popolo, il Pasquino, il Fiaschetto e ‘ Birichin – Giornal Piemontéis  giornale votato alla diffusione della letteratura piemontese.
Tra i libri scritti più significativi vi segnaliamo un libro che racconta uno degli avvenimenti più importanti della nostra città:  “Cronache dell’assedio del 1706”.

1851-1913
ALBERTO VIRIGLIO
arguto poeta dialettale
de l’antica vita torinese
indagatore e storiografo
di glorie e memorie paesane
geniale evocatore
la schietta anima secolare
e lo spirito eroico
del popolo subalpino
amorosamente raccolse
ed espresse
—–
amici ammiratori
auspice il municipio
qui nella vecchia cerchia municipale
de la città nativa
vollero che fosse ricordato

Scegli la categoria che preferisci

Storie

Personaggi

Curiosità

Chiese

Palazzi

Parchi