Personaggi Torinesi

Amedeo Peyron

Amedeo Peyron

Amedeo Peyron nasce nella Città di Torino il 2 ottobre 1785. Attivo nello studio fin da tenera età, nel 1808 si laurea in lingue orientali antiche
Cogliendo la vocazione al sacerdozio diviene discepolo di Tommaso Valperga di Caluso e nel 1809 viene consacrato sacerdote. Pochi anni dopo eredita dal Maestro la cattedra di lingue orientali presso l’Università degli Studi di Torino.
La conoscenza delle lingue lo porta ad essere un grande filologo accostandosi al metodo filologico di natura germanica.
Conoscitore di papirologia, grazie alla collezione Drovetti, giunta a Torino nel 1824, studia con particolare attenzione i papiri di epoca ellenistica-tolemaica diventando uno dei maggiori esperti della materia dell’epoca ( promotore del Museo Egizio di Torino).
Impegnato su parecchi fronti culturali e politici oltre alla docenza sono molte le cariche che ricopre: Rettore dell’Ateneo nel triennio 1826-1829, direttore della Biblioteca Universitaria, membro del Magistrato della Riforma del Consiglio Superiore dell’Istruzione Pubblica e della Giunta di antichità e belle arti.
Nel 1848 viene nominato senatore del Regno di Sardegna, carica che ricoprirà per poco meno di due anni, fino al ritiro dalla vita pubblica e dalla docenza.

Amedeo Peyron

La Galleria dei Dotti dell’Università di Torino lo ricorda con un busto, scolpito dallo scultore di casa Reale Alfonso Balzico, inaugurato il 28 aprile 1872 con discorso commemorativo di Federico Sclopis.

Potrebbe interessarti

Giovanni Antonio Amedeo Plana, l’uomo sulla Luna

Patrizia Guariso

Quintino Sella, l’alpinista politico

Patrizia Guariso

Guglielmo Pepe un pò generale, un pò rivoluzionario!

Patrizia Guariso