Laura Fezia
22 Articles0 Comments

Nata a Torino dove vive e lavora. Di formazione laica, studiosa di antropologia, psicologia, storia, criminologia e del “mistero” in tutti i suoi aspetti, appassionata di animali e della sua città, fa la scrittrice e l’insegnante di tecniche per il riequilibrio energetico.

Villa Genero, l’oasi collinare torinese

Certamente il jet set di un tempo sapeva vivere bene senza bisogno di farlo sapere a tutti: i suoi esponenti compravano terreni collinari, vi costruivano una villa o ne ristrutturavano una già esistente e si godevano il fresco senza convocare…

Umberto Biancamano di Savoia

Quando Amedeo VIII di Savoia, figlio del Conte Rosso, decise di mettere un po’ di ordine nel proprio albero genealogico, si  trovò in un serio imbarazzo, perché le notizie certe sull’avo Umberto Biancamano scarseggiavano, così escogitò il modo di inventarsi…

Leumann, un altro Napoleone a Torino

Tra le tante iniziative prese per recuperare l’orgoglio ferito dopo il trasferimento della capitale, Torino mise in vendita terreni a prezzi politici per attirare imprenditori. Di quest’occasione, approfittò industriale di origini svizzere Napoleone Leumann, che acquistò un vasto spazio nei…

La fabbrica del freddo a Porta Palazzo

Quando, intorno alla metà del XVIII secolo, nacque l’esigenza di mettere un pò di ordine nei mercati di Torino, le attività ambulanti iniziarono a spostarsi lentamente verso Porta Palazzo. Nel sottosuolo dell’attuale Piazza Emanuele Filiberto, che prese il nome di…

Per i "Poveri Vecchi", il riscaldamento centralizzato

Non esiste soltanto la Torino barocca, ma anche quella che nacque quando, dopo il 1865, la città si rivolse al progresso scientifico, tecnologico e imprenditoriale e iniziò a preparare il trampolino che ne avrebbe fatto, in breve tempo, un polo…

La via più intrigante di Torino, via Barbaroux

La lunga e stretta arteria che va da via Pietro Micca a corso Siccardi fu intitolata Giuseppe Barbaroux  nel 1860 ed è uno dei luoghi più affascinanti di Torino, precedentemente divisa in via Guardinfanti e via della Madonnetta. Ancora attualmente…

Vittorio Emanuele II, il monumento riparatore

Non è “un” monumento, ma “il” monumento quello a Vittorio Emanuele II, alto 39 metri, la cui gestazione fu lunga e travagliata. Il suo scopo fu quello di offrire alla città un’imponente ricordo del primo re d’Italia, le cui spoglie…

Una curiosa meridiana sul Duomo di Torino

Su una delle pareti del duomo di Torino, quella rivolta verso il passaggio che dà accesso alla piazzetta Reale, vi è una curiosa meridiana: non manca l’ ora solare, come tutte le altre del mondo, bensì è una meridiana astrologica,…

La reputazione magica di Torino

Una certa divulgazione dice che Torino è la città magica per eccellenza e su questa affermazione vaga si sono creati confusione, disinformazione e business. Gli elementi principali, ormai citati perfino dalle guide turistiche, che giustificano questa fama sono:  l’’ appartenenza…

Caserma Dogali, oggi Lamarmora: la prima aula bunker di Torino

In via Asti, tra via della Regina e via Figlie dei militari, si trova la caserma La Marmora, spesso protagonista di una Storia che Torino preferirebbe dimenticare. L’ austero edificio nacque nel 1888 come Caserma Dogali ospitò un reggimento di…