Reportage

Brueghel, capolavori dell’arte fiamminga.

Brueghel, capolavori dell'arte fiamminga. Alla Reggia dal 21 settembre

La mostra Brueghel. Capolavori dell’arte fiamminga celebra alla Reggia di Venaria la più importante congrega di artisti fiamminghi a cavallo tra il XVI e XVII secolo, coloro che sono stati interpreti dello splendore del Seicento e la cui dinastia è diventata marchio di eccellenza nell’arte pittorica.

Le opere esposte ripercorrono la storia -lungo un orizzonte temporale di oltre 150 anni- di cinque generazioni attive tra il XVI e il XVII secolo analizzando la rivoluzione realista portata avanti dal geniale capostipite della famiglia Pieter Brughel il Vecchio, seguito dai figli Pieter Brueghel il Giovane – colui che ha ripercorso il successo paterno con opere come la Danza nuziale allʼaperto (1610 ca.) e Paesaggio invernale con trappola per uccelli (1601) – e Jan Brueghel il Vecchio, detto anche dei Velluti per la sua straordinaria perfezione pittorica come in Viaggiatori con carri su una strada di campagna del 1610.
Di suo figlio Jan Brueghel il Giovane è esposta la bellissima versione delle Tre grazie realizzata nel 1635 insieme a Frans Wouters accanto aNatura morta con frutta e uccello esotico (1670) di Abraham (pronipote di Pieter Brughel il Vecchio, specializzato nelle nature morte) e accanto a opere di Marten van Cleve – tra i più attenti al lavoro del capostipite della famiglia- che realizza tra il 1558 e il 1560 la straordinaria serie di sei tavole del Matrimonio contadino attualizzando temi evangelici come quello della Parabola del buon pastore (1578).

 

Brueghel, capolavori dell’arte fiamminga

Mostra conclusa

Dal 21 settembre al 19 febbraio 2017
alla Sale delle Arti della Reggia di Venaria

Potrebbe interessarti

"Realismo, Neorealismo e realtà" visti da SCATTI LENTI

Giorgio Cerutti

Braco Dimitrijević alla GAM di Torino

Comunicati TorinoXL

Da Poussin agli Impressionisti. Tre secoli di pittura francese | Concluso

Comunicati TorinoXL