Home > Storie > Storie di Torino > ‘Ciribiribin’ e Alberto Pestalozza
Storie di Torino

‘Ciribiribin’ e Alberto Pestalozza

'Ciribiribin' e Alberto Pestalozza

Forse non tutti sanno che “Ciribiribin”, la canzone passata alla storia della musica, cantata dei più grandi artisti internazionali è nata proprio a Torino.
Bing Crosby, Frank Sinatra, Glen Miller, Perez Prado, Mario Lanza e il Trio Lescano, solo per citarne alcuni, hanno avuto nel proprio repertorio la torinese“Ciribiribin”che fu scritta nel 1899 dal compositore Alberto Pestalozza, torinese doc, prendendo spunto da una storia realmente accaduta e che di allegro ha molto poco.

Ciribiribin” è il nomignolo simpaticamente affibbiato ad una ragazza torinese vissuta alla fine dell’ottocento, vivace, allegra e spensierata, Mariuccia Ferrero.
Vive nel quartiere San Salvario e sta imparando a cucire in una piccola sartoria in via Madama Cristina rallegrando tutti con la sua spensieratezza.
La sera di carnevale è al ballo con il suo innamorato, quando viene a sapere che il suo atelier è in fiamme, pianta in asso il ballerino e corre verso il negozio dove, con l’incoscienza dei suoi sedici anni, si butta tra le fiamme per cercare di salvare il suo manichino e perde la vita.

Alberto Pestalozza conosceva bene Ciribiribin e avuta la notizia della sua prematura scomparsa, compone la musica che tutti noi conosciamo per ricordare l’esuberante  ragazzina che animava il quartiere San Salvario. Le parole, scritte da Carlo Tiochet, in rigoroso piemontese, non ricordano neppure lontanamente la vicenda e un po’ frivole tolgono parte del fascino della musica che ricorda la giovane sartina.

Alberto Pestalozza, dicevamo, è nato a Torino nel 1851, nel quartiere San Salvario. Dopo aver frequentato l’istituto Musicale di Torino viene assunto come impiegato nell’Amministrazione ferroviaria e inizia fin da giovane a comporre brani, soprattutto d’intonazione drammatica.
La musica adattata ad una preghiera composta dalla regina Margherita per la morte del marito Umberto I di Savoia permette ad Alberto Pestalozza di riscuotere i primi successi.
Il suo periodo più fecondo è sicuramente l’immediato anteguerra, quando scrive “I pescatori di San Leo”, brano che conosce i palcoscenici di tutt’Italia.

Ascolta CIRIBIRIBIN di Alberto Pestolazza cantata da Mario Lanza

Immagine editata di Alberto Pestolazza: www.trio-lescano.it

Ti potrebbe interessare

Piazza Castello “la Piassa”

Patrizia Guariso

Doppio omicidio al Duomo di Torino

Patrizia Guariso

Elemosinieri Segreti ed Elemosinieri Pubblici dell’ Opera di San Paolo

Maurizio Lattanzio

Alfiere dell’ Esercito Sardo

Il Torinese

Quando Mario Soldati salvò la vita a Raffaele Richelmy

Maurizio Lattanzio

Verrua Savoia, la fortezza

Luca Patrucco

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per personalizzare l'esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione accetto il loro utilizzo. Accetta Leggi di più