Torino non smette mai di affascinare. Ad ogni angolo una scoperta, uno scorcio che attira l’attenzione dei passanti, come in corso Palestro al civico 11.
Una palazzina in stile tardo-eclettico si affaccia sul viale alberato all’angolo con via Bertola.
Il fabbricato “Cucina Malati e Poveri” viene edificato nel 1914, progettato da Giacomo Salvadori di Wiesenhoff e Daniele Ruffinoni di gusto romantico tra il floreale e il neobarocco tipico del liberty dei primi anni del ‘900.

Cucina Malati e Poveri, via PalestroLa palazzina viene fatta costruire e destinata alla cottura e alla distribuzione di pasti per poveri ammalati.
I requisiti richiesti per fruire del servizio svolto erano appunto solo due: l’essere poveri ed ammalati.

L’Opera Pia Cucina Malati e Poveri tutt’oggi offre un pasto caldo ai bisognosi.
Alla fine degli anni quaranta l’edificio era spesso utilizzato da Fred Buscaglione e i suoi Asternovas, per le prove prima dei concerti.

Cucina Malati e Poveri

Corso Palestro 11

On this website we use first or third-party tools that store small files (<i>cookie</i>) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (<i>technical cookies</i>), to generate navigation usage reports (<i>statistics cookies</i>) and to suitable advertise our services/products (<i>profiling cookies</i>). We can directly use technical cookies, but <u>you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies</u>. <b>Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience</b>.