TorinoXL
Home > Storie > Curiosità di Torino > Ma esattamente, quando è stato musicato ‘Fratelli d’Italia’?
Curiosità di Torino

Ma esattamente, quando è stato musicato ‘Fratelli d’Italia’?

Ma esattamente, quando è stato musicato 'Fratelli d'Italia'?

Quando è stato musica l’ Inno di Mameli?
Probabilmente è una curiosità tutta torinese o forse è un mistero solo per me che non conosco la storia ma, onestamente, non sono ancora riuscito a capire quale sia la data esatta del giorno in cui fu musicato il Canto degli Italiani.
Ho sempre saputo che la data era  il 23 novembre 1847, ma la targa in via XX settembre recita così: in questa casa che fu /  di Lorenzo Valerio / una sera  sui 10 di no/vembre 1847 / il Maestro / Michele Novaro di/vinava le note al / fatidico / INNO DI MAMELI / nel centenario della / nascita del poeta. / Auspice il Liceo Cavour 1927.
Ho sempre sbagliato? La data indicata nella lapide è il 10 NOVEMBRE 1847!

Ma esattamente, quando è stato musicato 'Fratelli d'Italia'?Per trovare una risposta ho sfogliato una cinquantina di testi,  la data indicata è sempre il 23 novembre 1847, due o tre volte il 10 novembre ed una volta sola il 15 novembre. Anche Wikipedia riporta la data del 23 aggiungendo un dettaglio in più: il 10 novembre Mameli spedisce al Novaro il testo scritto che giunge a Torino la sera del 23.
Il particolare curioso è che tutti i testi da me consultati fanno riferimento a due testi specifici: ‘Scritti Editi ed inediti di Goffredo Mameli’ di Anton Giulio Barrili edito nel 1902 e ‘I miei tempi’ di Vittorio Bersezio edito nel 1933.
Nel primo troviamo gli avvenimenti della serata raccontati nel 1875 a Barilli che riuscì ad intervistare nientemeno che  Michele Novaro e, nonostante il racconto sia molto dettagliato, non compare alcuna data, almeno nella copia in nostro possesso.
Nel secondo si possono leggere le parole di uno dei presenti, Vittorio Bersezio, che ricorda quella lontana serata e posticipa la data al marzo del 1848, cosa impossibile perché per certo esiste una prima partitura stampata nel dicembre del 1847 (l’ opinione più comune è che vista l’avanzata età del Bersezio, i ricordi  fossero un po sbiaditi).
Su Wikipedia c’è anche un’ulteriore fonte al lato della data del 10 novembre: Inni di Guerra e Canti patriottici del Popolo Italiano di Rinaldo Caddeo edito nel 1915.
Lo abbiamo consultato e non abbiamo trovato alcuna data.

Ma esattamente, quando è stato musicato 'Fratelli d'Italia'?Quello che sappiamo per certo è che la targa in via xx settembre è molto precisa ‘10 novembre’ e ‘divinava le note’. Anche in questo caso non siamo riusciti a trovare maggiori informazioni se non un  trafiletto de ‘La Stampa’ del 1927 che informava i torinesi dell’ avvenimento ma non c’è scritto niente di utile per trovare ulteriori informazioni o la data da noi cercata.

Quindi, quando è stato scritto l’ Inno d’Italia?
Il 10 non ci convince, se non altro per il fatto che il 90% dei testi indica la data a noi familiare anche se un dubbio ci rimane….
guardando attentamente il documentario realizzato da RaiStoria, al minuto 13 appare la partitura originale scritta da Michele Novaro e… sorpresa… c’è un’altra data il 5 ottobre/dicembre 1847!

Forse un giorno riusciremo a consultare lo spartito originale che oggi è proprietà dell’ Archivio Ricordi ed è consultabile solo andando da loro, per il momento ci dobbiamo accontentare di quello che abbiamo scoperto fino ad oggi.
Il ‘Canto degli Italiani’, scritto da Goffredo Mameli, e diventato ‘Fratelli d’Italia’, musicato da Michele Novaro, ha risuonato per la prima volta il 5 ottobre, 10 novembre, 15 novembre, 23 novembre, 5 dicembre del 1847.

Se avete ulteriori informazioni o una spiegazione storica, scriveteci!

NOTE

  • Esiste un testo più vecchio L’inno di Mameli musicato da Michele Novaro. Con note raccolte da A. Pastore e la musica trascritta pei giovinetti da G. Ferrari, del 1889. Non siamo riusciti a consultarlo ma sembra che a pagina 42 le note a margine raccontano la famosa serata. Forse li è possibile trovare qualche indicazione in più.
  • Non siamo riusciti ancora a consultare il libro di Vittorio Bersezio  ‘I miei tempi’ edito nel 1931 e ristampato dall’ ASSOCIASSION PIEMONTÈISA. Le pagine che riguardano i ricordi dell’ autore sono però riportate in innumerevoli siti web e testi stampati. Anche in questo caso non è mai indicata alcuna data.
  • I siti istituzionali non indicano mai una data precisa, si limitano a dire una serata del Novembre del 1847.
  • Nel libro ‘Scritti editi ed inediti di Goffredo Mameli ordinati e pubblicati con proemio introduzione e note a cura di Anton Giulio Barrili del 1902 viene indicato il mese di settembre. La data esatta non è indicata ma si parla di ‘una sera di mezzo settembre’

Ti potrebbe interessare

Una curiosa meridiana sul Duomo di Torino

Laura Fezia

Buoi “danzanti” nel Duomo per il patrono di Torino San Giovanni Battista

Patrizia Guariso

Viaggio nelle cucine del Palazzo Reale di Torino

Patrizia Guariso

Il ‘Cannone Corriere’ di Francesco Zignoni

Maurizio Lattanzio

Uovo di Pasqua, nasce a Torino

Patrizia Guariso

Ultima Cena …. il Leonardo di Luigi Cagna

Patrizia Guariso

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per personalizzare l'esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione accetto il loro utilizzo. Accetta Leggi di più