Home > Storie > Storie di Torino > Gazosa, Francesco Botto . .
Storie Storie di Torino

Gazosa, Francesco Botto . .

Gazosa, Francesco Botto . .a torino

Gassosa! Non ci facciamo mancare niente a Torino. O meglio . . . la gazzosa come la conosciamo oggi potrebbe essere stata inventata a Torino.
La gasosa/gassosa o per chi preferisce  gazosa/gazzosa  è una bevanda molto semplice: acqua, zucchero,  limone ed anidride carbonica per renderla effervescente.
Le sue origini sembrano risalire al XVIII secolo quando cominciò a diffondersi  grazie alle capacità curative contro il  mal di stomaco,  la digestione e  la flatulenza.   Diffusa in Francia, Svizzera e Italia era preparata in vari modi che si differenziavano per il tipo di aroma presente al suo interno e spesso veniva accoppiata con il  vino e la birra; le caratteristiche bollicine erano già presenti ma prodotte mediante la fermentazione dello zucchero all’ interno delle bottiglie esposte al sole.

Cosa succede nel XIX secolo?
Non sappiamo esattamente cosa sia successo e non disponiamo di documenti per confutare la teoria che la gassosa sia stata inventata a Torino ma abbiamo trovato due fonti che ci narrano di un certo Francesco Botto ‘Caffettiere e Distillatore Patentato’.
Nel  numero del  24 agosto 1833 si parla di un questo imprenditore Torinese e della sua Limonata Gazosa particolarmente buona, superiore di qualità a quelle diffuse in Europa perché prodotta senza la fermentazione degli zuccheri che guastavano il palato e lo stomaco: il suo procedimento consisteva nel saturare la miscela con acido carbonico mediante un suo personale macchinario.
Ed esattamente qui si trova il punto delicato.
Esisteva già l’ Acqua di Seltz, ma a quanto pare lui, a Torino, per primo ha usato il procedimento per produrre la sua Gassosa Botto.
Questo accorgimento permetteva di aggirare il problema della fermentazione e garantiva al piccolo imprenditore di essere in regola con tutte le carte e le autorizzazioni.
Nella Gazzetta Piemontese del 2 agosto 1834, si torna a parlare di Francesco Botto.
Da poco aveva rilevato il Caffè del Gran Corso, situato in piazza Vittorio Emanuele all’ angolo con Casa Noli e all’ interno aveva installato il suo macchinario a compressione per  saturare la sua famosa miscela  di ‘Acido Carbonico’ secondo le buone regole e senza sostanze fermentate.

GaZoSa Botto

La bibita divenne presto famosa grazie al sapore che la rendeva piacevole come bibita da sorseggiare nelle giornate calde e grazie alle proprietà salutari che caratterizzavano la combinazione degli ingredienti della ‘GaZoSa’.   L’ astuto commerciante, inoltre, per primo propose la vendita in abbonamento della bibita: 6 franchi per 24 bottiglie escluso il vetro e sconti non descritto per acquisti superiori  a 100 bottiglie.

Oggi la Gassosa, dopo la fama incontrata negli anni ’50 e ’60 del XX secolo e il successivo declino, sta tornando di moda e forse, come negli anni ’30 del XIX secolo torneremo a mischiarla nei modi più improbabili alla ricerca di quel qualcosa che ci assapori il palato oltre a dissetare il corpo.

 

Ti potrebbe interessare

Francesco Ruffini il coraggio di un “NO”

Patrizia Guariso

Elemosinieri Segreti ed Elemosinieri Pubblici dell’ Opera di San Paolo

Maurizio Lattanzio

La fabbrica del freddo a Porta Palazzo

Laura Fezia

Martinetto, il poligono della vergogna.

Laura Fezia

Inaugurazione dello stabilimento Fiat ‘Lingotto’

Maurizio Lattanzio

Il miracolo della Madonna del Pilone

Patrizia Guariso

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per personalizzare l'esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione accetto il loro utilizzo. Accetta Leggi di più