La cappella della pia congregazione dei banchieri, dei negozianti e dei mercanti.

da | Chiese di Torino

La nascita delle corporazioni, in Europa, può essere fatta risalire al XII secolo, quando nacque l’ esigenza di regolamentare e tutelare l’ attività (e gli interessi) dei rappresentanti di una stessa categoria. Poiché all’ epoca il potere ecclesiastico era più importante di quello civile, le varie corporazioni, o gilde, non appena costituite si premuravano di procurarsi una cappella, impegnandosi ad abbellirla: molte di esse si travestirono addirittura di “pia congregazione”.

A Torino, per esempio, nel 1636 nacque la corporazione dei minusieri, ebanisti e mastri di carrozza, che acquisì una cappella nella chiesa di Santa Maria di Piazza, mentre già da tempo i pittori, gli scultori, i chirurghi, i calzolai, gli orefici e i panificatori si riunivano in Duomo, tutti sotto la protezione di San Luca, mentre i sarti, i sarajè, i ‘mastri da muro’ , gli scalpellini, gli stuccatori, gli speziali e i notai erano di casa in San Francesco d’Assisi.

La cappella della pia congregazione dei banchieri, dei negozianti e dei mercanti.Presso la chiesa dei Santi Martiri, in via Dora Grossa, si riuniva una potente corporazione che comprendeva i nobili, gli avvocati, i banchieri, i negozianti e i mercanti: forse la convivenza tra di loro divenne, a un certo punto, difficile, forse nacquero gare di personalità, perché i banchieri, negozianti e mercanti, nel 1692, si trasformarono in “pia congregazione” e si fecero costruire una cappella separata, accanto alla chiesa, incoraggiati da padre Agostino Provana, rettore dei gesuiti.

La cappella della pia congregazione dei banchieri, dei negozianti e dei mercanti.La cappella, al civico 25 dell’ odierna via Garibaldi, è ancora attualmente luogo di culto, aperto al pubblico solo nei weekend: non è chiaro il motivo per cui ci si trovi la tomba di Joseph_Marie Maistre, scrittore e membro del senato sabaudo, che con i banchieri, negozianti e mercanti non ebbe mai nulla a che fare.
Le corporazioni furono abolite definitivamente da Carlo Alberto nel 1844: sarebbero rinate dalle proprie ceneri sotto forma di ordini professionali, perpetrando, nel tempo, le antiche tendenze elitarie.

Questa e altre 500 storie le trovate su

laura fezia il giro di torino in 501 luoghi

altri testi scritti da Laura Fezia

 

Scegli la categoria che preferisci

Storie

Personaggi

Curiosità

Chiese

Palazzi

Parchi