Piazza Palazzo de Città, sonetto

Piazza Palazzo de Città, sonetto

Piazza Palazzo de Città, sonetto

Stamo ner core de Torino vecchia
strade piene de grinze e vicoletti
un tempo c’era quarche catapecchia
ma non videro bombe quelli tetti.
Sotto a li porticati s’apparecchia
la pulenta nostrana e l’uccelletti,
mentre che in lontananza s’arispecchia
un’epoca d’artisti e d’architetti.
Attento ar Municipio si ce vai.
fa li scongiuri: nun sei manco entrato
che trovi tasse, fregature e guai.
Ma rispetta er Palazzo de Città.
che da li tempi antichi è sempre stato
na fanfara de lotta e libbertà.

di Filippo Tartufari

Il sonetto è stato scritto dal Filippo Tartufari che dedicò alcuni sonetti a Torino considerata da lui la sua città adottiva.

On this website we use first or third-party tools that store small files (<i>cookie</i>) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (<i>technical cookies</i>), to generate navigation usage reports (<i>statistics cookies</i>) and to suitable advertise our services/products (<i>profiling cookies</i>). We can directly use technical cookies, but <u>you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies</u>. <b>Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience</b>.