Home > Miscellanea > Piazza Statuto, sonetto
Miscellanea

Piazza Statuto, sonetto

Piazza Statuto, sonetto

Piazza Statuto

Se dice che un ingrese maneggione
je prese tempo addietro er rodimento
de fa sti porticati in communione
cor Municipio e fece fallimento.
De lujo. quando incoccia er solleone.
l’angelo che sta in pizzo ar monumento
se smiccia l’acqua giù der funtanone
come dicesse: “Mo. me butto drento”.
Poi la piazza se slarga tutto un botto.
e de giorno o de sera. inverno o estate.
occhio a la penna! che sinnò vai sotto.
Laggiu. dar corso Francia. le campagne
verso er tramonto pareno sfumate
su una bianca cornice de montagne.

di Filippo Tartufari

Il sonetto è stato scritto dal Filippo Tartufari che dedicò alcuni sonetti a Torino considerata da lui la sua città adottiva.

Ti potrebbe interessare

Piazza Vittorio Veneto, sonetto

Torino XL

8 settembre 2016, un mio amico si è sposato

Maurizio Lattanzio

Arianna G, tesina d'esame.

Torino XL

Portici di Carta.

Maurizio Lattanzio

Piazza Savoia, sonetto

Torino XL

Gianni Rodari, Torino

Torino XL

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per personalizzare l'esperienza di navigazione. Se prosegui la navigazione accetto il loro utilizzo. Accetta Leggi di più