Piazza Vittorio Veneto

Piazza Vittorio Veneto, sonetto

Piazza Vittorio Veneto

Piena de luce, porticata, ariosa

sta sotto la Gran Madre e a la collina:

a carnovale è come na sciantosa

che balla co Gianduja la “monfrina”.

 

D’inverno co la neve è freddolosa

e ce batte na “merla” frizzantina:

ar sole ride mejo de la sposa

che se risveja alegra la matina.

 

Sta piazza nun cià manco un monumento,

è na spianata dove nun c’è gnente,

eppure te da sempre un godimento.

 

Quanno me sento triste e solitario,

Guardo quela Collina sorridente

che a Superga lassù, fa da scenario.

di Filippo Tartufari

Il sonetto è stato scritto dal Filippo Tartufari che dedicò alcuni sonetti a Torino considerata da lui la sua città adottiva.

On this website we use first or third-party tools that store small files (<i>cookie</i>) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (<i>technical cookies</i>), to generate navigation usage reports (<i>statistics cookies</i>) and to suitable advertise our services/products (<i>profiling cookies</i>). We can directly use technical cookies, but <u>you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies</u>. <b>Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience</b>.