La Prima Pietra rappresenta l’inizio di un percorso frutto dell’ esperienza passata e su di lei poggerà  il lavoro che seguirà, dandone stabilità ed eternità.

L’ esperienza passata è quella di Giovanni Bosco che ha dedicato la sua esistenza alla gioventù più in difficoltà di Torino  in un periodo storico dove i concetti di equità e compassione erano solo un vezzo  da nobile salotto . Un vita vissuta sotto la guida di Maria Ausiliatrice, alla quale Giovanni Bosco riponeva tutta la sua devozione.
Il lavoro che seguirà è quello svolto dai Salesiani portando l’ opera di Torino  in tutto il mondo.

L’ esperienza passata è un quartiere degradato, povero, insalubre a poche centinaia di metri dal lusso aristocratico riservato a pochi.
Il lavoro che seguirà è quello svolto da Giovanni Bosco, cambiando architettura,  vivibilità e umanità di una città.

L’ esperienza passata forma la capacità di interpretare il desiderio che motiva la costruzione di un opera.
Il lavoro che seguirà è la costruzione del Santuario della Maria Ausiliatrice ad opera di Antonio Spezia.

Santuario della Maria AusiliatriceSantuario Maria Ausiliatrice

La costruzione della struttura  iniziò il 27 aprile 1865 con la posa della Prima Pietra, cerimonia fortemente simbolica alla quale presenziò anche il Principe Amedeo di Savoia, e fini il  23 settembre 1866 con il posizionamento dell’ Ultima Pietra in cima alla cupola.
Seguirono i lavori interni e il posizionamento della statua della Madonna, opera di Camillo Boggio, in cima alla cupola prima di arrivare alla  solenne consacrazione che avvenne il 9 giugno 1868.

L’interno del Santuario è un abile opera architettonica a navata unica dove ogni angolo della struttura è messo in risalto grazie alla attenta scelta dei marmi.
Gli stessi marmi sono protagonisti e responsabili di un’illuminazione ed atmosfera unica e colorata che dona grandiosità al santuario.

Tutta la struttura è una chiara e diretta testimonianza della devozione di Don Bosco verso Maria Ausiliatrice, devozione che culmina nell’altare maggiore occupato dalla pala dedicata a Maria Ausiliatrice, opera del pittore  Lorenzone e ispirata direttamente da Giovanni Bosco.

 

On this website we use first or third-party tools that store small files (<i>cookie</i>) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (<i>technical cookies</i>), to generate navigation usage reports (<i>statistics cookies</i>) and to suitable advertise our services/products (<i>profiling cookies</i>). We can directly use technical cookies, but <u>you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies</u>. <b>Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience</b>.