Bordelli, postriboli e case chiuse con Turin Rouge

Tempo fa, mi trovavo in biblioteca a cercare testi per un pezzo che stavo scrivendo “Calandra Street Blues” e mi è capitato tra le mani il libro “Bordelli torinesi” dell’antropologo Massimo Centini, un libro incredibilmente interessante e piuttosto affascinante per il modo in cui l’argomento delle case chiuse torinesi è trattato, tanto che uscita dalla… Continua a leggere Bordelli, postriboli e case chiuse con Turin Rouge

11 affascinanti ragazze ricordano il passato

Alcuni stabili di Torino ricordano il loro passato goliardico in vari modi. Uno di questi, in via Principe Tommaso, oltre ad essere di notevole bellezza  presenta 11 bassorilievi femminili decisamente affascinanti che rappresenterebbero le 11 ragazze operanti nel casino al suo interno;  uno dei tanti postriboli che tra XVIII e XIX secolo accomunavano molte città europee. Ma… Continua a leggere 11 affascinanti ragazze ricordano il passato

Calandra Street Blues celebra le Case Chiuse.

È la sera del 20 settembre 1958, centinaia di uomini sfilano per le vie cittadine al ritmo cadenzato del brano Calandra Street Blues, musica scritta da un giovane studente del conservatorio di Torino. Impeccabili nei loro mantelli con in capo la feluca, partono da via Calandra per dirigersi verso via Conte Verde passando da corso… Continua a leggere Calandra Street Blues celebra le Case Chiuse.