Categorie
Miscellanea

Il Borgo Medievale, un tuffo nel passato.

Un passato un po’ meno passato di quello che immaginiamo, infatti il Borgo Medievale di Torino non è un borgo così antico, ma un’accurata ricostruzione, fatta alla fine dell’ottocento, di un borgo quattrocentesco. Fu costruito in occasione dell’Esposizione Generale Italiana Artistica e Industriale come padiglione per la sezione Storia dell’Arte. Il padiglione, inaugurato il 27 aprile del 1884,  venne edificato in meno di un anno su idea dell’architetto portoghese Alfredo D’Andrade e coadiuvato, nella realizzazione, dall’Ingegner Riccardo Brayda e Carlo Nigra. Vennero presi come riferimento modelli medievali piemontesi esistenti, ne è esempio l’imposta della porta maggiore ispirata a quella della Sacra di San Michele.
Una ricostruzione curata nei minimi dettagli e che, fortunatamente, finita l’Esposizione, trovò una nuova destinazione: l’arricchimento del patrimonio culturale e museale di Torino.

Borgo Medioevale Rocca Torino Museo

Inoltrarsi nel borgo medievale, col suo maniero che si specchia sulle pacifiche acque di Eridano è un po’ come addentrarsi in un posto incantato, risveglia in qualche modo l’immagine di castellane accompagnate da audaci cavalieri in sfavillanti armature, tornei,  giostre e combattimenti per il sospirato bacio della figlia del signorotto di corte.
Una passeggiata nel borgo tra antiche botteghe artigiane, l’Ospizio e la piccola chiesa, utilizzata come sala espositiva per piccole mostre, ci conduce alla piazzetta dove si trova la bellissima fontana del melograno. Su tutto impera la Rocca, imponente e maestosa. All’interno la minuziosa ricostruzione mette in risalto stanze sontuose e diventa facile fantasticare sulla vita di corte e sentire i rumori delle stoviglie nelle cucine, il tintinnare delle posate in sala da pranzo e le musiche festose nel salone dei ricevimenti. Ogni stanza è una macchina del tempo che ci riporta indietro di  seicento anni. E per finire in bellezza, il giardino o forse è meglio dire i giardini: il nobile Giardino delle Delizie ricco di piante ornamentali, il Giardino dei Semplici per le piante officinali e l’Orto coltivato a ortaggi e piante da frutto.

Borgo Medioevale Torino

Viale Virgilio 107
Parco del Valentino
10126 Torino
T.+39 011 44 31 701/02
SITO UFFICIALE
Un altra storia da leggere:  I DETTAGLI DEL BORGO MEDIOEVALE

Categorie
Musei di Torino

MAcA, Museo A come Ambiente, ovvero giocare per imparare.

Un fabbricato in stile tardo razionalista situato in corso Umbria ospita da alcuni anni il museo A come Ambiente. Dopo la seconda guerra mondiale l’espansione della Michelin rese necessaria la creazione di un nuovo ingresso da adibire a portineria e deposito biciclette per gli operai della fabbrica, venne quindi costruito l’Edificio 37. Ampliato poco dopo per ospitare la mensa aziendale divenne in seguito adibito a centrale antincendio. La chiusura della fabbrica portò all’abbandono dell’edificio, ma A come Ambiente, il primo museo europeo dedicato alle tematiche ambientali, inizia proprio con il riciclo dell’Edificio 37 il suo cammino. Negli anni 2000 l’architetto Agostino Magnaghi diede l’attuale aspetto al fabbricato e nel 2004 il museo iniziò il suo cammino.

MAcA, Museo A come Ambiente, ovvero giocare per imparare.

Divertente per i più piccoli, il nostro futuro, istruttivo per i meno giovani, c’è pur sempre da imparare, A come Ambiente è un museo interattivo dove è possibile giocare con i rifiuti…
Detto così può sembrare un po’ sui generis, ma di fatto l’interattività del museo permette, attraverso il gioco, di comprendere le tematiche ambientali. Giochi, interattività, esperimenti, video permettono al visitatore di informarsi su temi come il riciclo dei rifiuti, l’energia, l’acqua e i trasporti. Simpatici animatori accompagnano, attraverso percorsi guidati, il pubblico che ha la possibilità di interagire attraverso “exhibits” macchine ideate per stimolare, quindi imparare divertendosi.

MAcA, Museo A come Ambiente, ovvero giocare per imparare.A come Ambiente è una tappa obbligata per tutti coloro che hanno a cuore il futuro dell’ambiente in cui viviamo. Riflettere sull’ambiente in modo alternativo e divertente, conoscere per salvaguardare, giocare per salvare il futuro.

MAcA – A come Ambiente

Corso Umbria 90, Torino
telefono: 011.0702535
sitoweb: www.acomeambiente.org

Categorie
Musei di Torino

Museo del Risorgimento Italiano

Il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano racconta la storia e il percorso che ha portato all’Unità d’Italia analizzando il contesto storico Torinese, Piemontese, Italiano ed Europeo del XIX secolo

I meravigliosi saloni del Palazzo Carignano fanno da contenitore ad un immensa quantità di reperti come documenti originali, armi, vessilli, bandiere, uniformi, manoscritti, lettere, statue ed una notevole quantità di dipinti che raggiungono il massimo impatto all’interno di quella che sarebbe dovuta essere la Nuova Camera dei Deputati d’Italia.

La visita è accompagnata da numerose installazioni video, sparse lungo i 30 saloni del Museo del Risorgimento,  ed un piccolo cinema che aiutano il visitatore a conoscere e comprendere un periodo storico determinante per la storia d’Italia.

La visita culmina con la vista della Camera dei Deputati del Parlamento Subalpino che grazie ad un’ attenta conservazione e restauro mantiene tutto il suo fascino e si conclude nell’ enorme salone del Parlamento Italiano che ospita giganteschi quadri del periodo risorgimentale.

 

Museo del Risorgimento Italiano

V. Accademia delle Scienze, 5
10123 Torino
tel. 011 5621147 – fax 011 5624695
Ingresso principale in piazza Carlo Alberto