palazzi

Il Castello di Masino di Caravino, una residenza millenaria a pochi kilometri da Torino

Il Castello di Masino di Caravino, una residenza millenaria a pochi kilometri da Torino

Il Castello di Masino e l’omonimo parco sono una grande tenuta millenaria costruita sopra un altura che sovrasta la piana del Canavese. Distante un ora di macchina da Torino, e pochi minuti da Ivrea, grazie al FAI Fondo Ambiente Italiano la residenza è diventata una attrazione turistica unica nel suo genere con un panorama fantastico che …

Il Castello di Masino di Caravino, una residenza millenaria a pochi kilometri da Torino Leggi tutto »


Dellazoppa, un palazzo sconosciuto in via Viotti

Dellazoppa, un palazzo sconosciuto in via Viotti

Al civico 4 di via Viotti un bellissimo palazzo Liberty ci racconta la sua storia a cominciare dalle targhe che nonostante siano ben visibili non è facile scorgere. Sono poste sotto i due bow windows che troneggiano sulla facciata. L’una ricorda il committente, tali “coniugi Dellazoppa eressero anno 1906”, l’altra  il progettista dell’edificio, l’ingegnere Carlo …

Dellazoppa, un palazzo sconosciuto in via Viotti Leggi tutto »


Casa Priotti Carlo Ceppi Corso Vittorio

Casa Priotti, il Ceppi in corso Vittorio

La storia dell’architettura di Torino a cavallo tra il XIX e il XX secolo ci parla di Liberty e di Carlo Ceppi, uno dei maggiori esponenti della nuova corrente stilistica che realizza nel 1900 Casa Priotti. A metà ottocento si respira aria nuova a Torino, il rinnovamento edilizio coinvolge tutta la città in espansione, la …

Casa Priotti, il Ceppi in corso Vittorio Leggi tutto »


Istituto per la vecchiaia Poveri Vecchi, corso unione sovietica

Per i "Poveri Vecchi", il riscaldamento centralizzato

Non esiste soltanto la Torino barocca, ma anche quella che nacque quando, dopo il 1865, la città si rivolse al progresso scientifico, tecnologico e imprenditoriale e iniziò a preparare il trampolino che ne avrebbe fatto, in breve tempo, un polo industriale di prestigio. Anche l’architettura ne fu condizionata, poiché fu partire dal 1870 circa che iniziarono …

Per i "Poveri Vecchi", il riscaldamento centralizzato Leggi tutto »


I bagni Municipali di via Vanchiglia

I bagni Municipali di via Vanchiglia

Corso Regina Margherita all’angolo con via Vanchiglia, un edificio in mattoni rossi intervallati da mattonelle in ceramica bianca e decorazioni Liberty qua e là, attira la mia attenzione, sono i Bagni Municipali di via Vanchiglia, dove tante storie sono state vissute. A metà ottocento Torino conosce la nuova realtà delle fabbriche e come in tutta europa …

I bagni Municipali di via Vanchiglia Leggi tutto »


La Fleur Casa Fenoglio, il liberty Torinese

La Fleur Casa Fenoglio, il liberty Torinese

Il Liberty in Italia nasce alla fine del XIX secolo e la sua storia è indissolubilmente legata a Torino e all’architetto Pietro Fenoglio, uno dei maggiori esponenti del nuovo movimento artistico nato in Francia con il nome di Art Noveau e che esprime il massimo estro creativo nella Villa Fenoglio “La Fleur”. Nel 1902 a …

La Fleur Casa Fenoglio, il liberty Torinese Leggi tutto »


Villa Scott. Il terrore corre sul Liberty

Villa Scott. Il terrore corre sul Liberty

Sicuramente la settima arte ha contribuito a far conoscere Torino in tutto il mondo. Il grande cinema italiano è nato a Torino e numerosi sono i registi che, spesso, hanno fatto della città il loro set e tra questi capeggia Dario Argento. Il maestro del brivido ha spesso utilizzato le particolarità di Torino nei suoi …

Villa Scott. Il terrore corre sul Liberty Leggi tutto »


Villa della Regina, un anfiteatro in collina

Villa della Regina, un anfiteatro in collina Fu il cardinale Maurizio di Savoia, cadetto di Carlo Emanuele I, a incaricare Ascanio Vitozzi di progettargli, nel 1615, una residenza in collina che facesse eco alle ville romane da lui ben conosciute: quando i lavori, eseguiti da Carlo di Castellamonte, furono terminati, Maurizio rinunciò alla porpora cardinalizia, …

Villa della Regina, un anfiteatro in collina Leggi tutto »


Palazzo Trucchi di Levaldigi

Palazzo Trucchi di Levaldigi: è davvero diabolico?

La bellezza di Torino sta nei dettagli. Piccoli tanto da passare inosservati, maestosi da lasciarci stupiti e intimoriti, palazzo Trucchi di Levaldigi è un po’ entrambi.
Il palazzo è imponente, ma sembra volersi nascondere agli affaccendati viandanti così racchiuso nella scacchiera urbana di Via XX Settembre.
Ma il suo portone, no! É in grado di attrarre ogni visitatore che percorrere la zona.
L’edificio è stato costruito dal famoso architetto torinese Amedeo di Castellamonte tra il 1673 ed il 1677 su ordinazione di Giovanni Battista Trucchi Conte di Levaldigi, presidente e generale delle finanze di casa Savoia. Il terreno su cui viene edificato il palazzo viene espropriato ai padri agostiniani scalzi del vicino Convento di San Carlo dopo una lunga e travagliata trattativa.


On this website we use first or third-party tools that store small files (<i>cookie</i>) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (<i>technical cookies</i>), to generate navigation usage reports (<i>statistics cookies</i>) and to suitable advertise our services/products (<i>profiling cookies</i>). We can directly use technical cookies, but <u>you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies</u>. <b>Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience</b>.