XIX secolo

Il pomodoro Re Umberto, dedicato ad Umberto I Re d’Italia

Visitando Napoli emerge chiaramente il rapporto tra la città partenopea e i sovrani d’Italia Umberto I e Margherita di Savoia; tanti sono i riferimenti al monarca sabaudo: la Galleria commerciale Umberto I, il monumento ad Umberto I, Corso Umberto I, il Liceo Umberto I e il pomodoro re Umberto… ebbene si, persino un pomodoro! Umberto …

Il pomodoro Re Umberto, dedicato ad Umberto I Re d’Italia Leggi altro »

Virginio Bordino e il carro locomobile stradale

7 maggio 1835: Virginio Bordino sperimenta la prima vettura italiana: il “carro locomobile stradale” Il “carro locomobile stradale” non è il titolo di una della prossime hit estive, ma una delle più grandi invenzioni pionieristiche che il mondo abbia mai conosciuto dopo la ruota, il fuoco e il web, ma procediamo con ordine. Correva l’anno …

Virginio Bordino e il carro locomobile stradale Leggi altro »

Pellegrino Artusi e il tentativo di unificazione gastronomica nazionale

La figura di Pellegrino Artusi, originario di Forlimpopoli, piccola cittadina della Romagna vicino a Forlì, è fondamentale per comprendere il concetto di unità nazionale. Infatti: Non si limitò a mettere insieme e codificare molte delle ricette che costituiscono ancora oggi la colonna portante della cucina della penisola, ma trasformò questi piatti, per la prima volta, …

Pellegrino Artusi e il tentativo di unificazione gastronomica nazionale Leggi altro »

Edmondo De Amicis, Alle porte d’Italia

Edmondo De Amicis era molto legato ad una città piemontese che dista ad una cinquantina di kilometri da Torino, la bella ‘Pinerolo’,  descritta dallo scrittore con parole semplici,  cariche di amore e passione: “Vista dall’alto, posta com’è all’imboccatura di due bellissime valli, ai piedi delle Alpi Cozie, davanti ad una pianura vastissima, seminata di centinaia di villaggi, …

Edmondo De Amicis, Alle porte d’Italia Leggi altro »

L’evoluzione del menu dall’Unità d’Italia ad Umberto I

Il menu, principale fonte, per la storia della cucina, per capire i piatti preparati dalla brigata, e non solo, perché grafica, stile e portate gastronomiche aiutano lo studioso a comprendere mode alimentari e artistiche del periodo. All’inizio dell’Ottocento questo piccolo e fragile pezzo di carta, in senso gastronomico, è puramente funzionale ed è il promemoria …

L’evoluzione del menu dall’Unità d’Italia ad Umberto I Leggi altro »

Leumann, un altro Napoleone a Torino

Tra le tante iniziative prese per recuperare l’orgoglio ferito dopo il trasferimento della capitale, Torino mise in vendita terreni a prezzi politici per attirare imprenditori. Di quest’occasione, approfittò industriale di origini svizzere Napoleone Leumann, che acquistò un vasto spazio nei pressi di Collegno  e vi installò un cotonificio. La scelta fu influenzata sia dagli abbondanti …

Leumann, un altro Napoleone a Torino Leggi altro »

Abbiamo fatto l’Italia, ora dobbiamo fare gli Italiani

La frase di Massimo D’Azeglio sopracitata, rimasta la più caratteristica e celebre del Risorgimento Italiano, contiene speranze, sogni e delusioni che caratterizzano il periodo post-unitario. L’Italia, politicamente unita a partire dal 1861, non è più solo geografica, come la definiva l’austriaco Metternich gli anni precedenti. Il suo intento era quello di bloccare la politica britannica, …

Abbiamo fatto l’Italia, ora dobbiamo fare gli Italiani Leggi altro »