Categorie
Parchi e Fontane

Villa Genero, l’oasi collinare torinese

Certamente il jet set di un tempo sapeva vivere bene senza bisogno di farlo sapere a tutti: i suoi esponenti compravano terreni collinari, vi costruivano una villa o ne ristrutturavano una già esistente e si godevano il fresco senza convocare conferenze stampa. È ciò che fece banchiere Felice Genero, che nel 1858 acquistò vigna Colla, che comprendeva un’abitazione civile, due cascine, serre, giardini, prati e un padiglione. Trent’anni più tardi la moglie, non soddisfatta, vi aggiunse la confinante vigna Baldissero, formata da una villa, un rustico, una cappella, prati, orti, giardini, viali alberati: dopo di che, non si sa per quale motivo, donò tutta la proprietà al Comune di Torino.

Villa Genero, in strada Santa Margherita, fu trasformata in parco pubblico sotto il fascismo, nel 1933, dopo alcuni piccoli interventi di sistemazione tesi a separare l’area turistica da quella della scuola che vi si trovava già dalla fine dell’ Ottocento. I giornali dell’epoca enfatizzarono l’evento con il linguaggio aulico allora in uso, parlando del parco come di … una magnifica risposta riposante sosta […] tanto che per chi va a piedi quanto per chi si vale di automobile o carrozza giacché anche i veicoli potranno entrare nel parco. E qui all’occorrenza si potranno specie di domenica, consumare all’ombra di piante secolari, liete e confortevoli merende…
In realtà, Villa Genero potrebbe essere uno dei più bei parchi di Torino, con i suoi 39.000 metri quadrati di percorso collinare ricco di alberi secolari, formato da viali e vialetti in dolce salita che portano a una balconata dalla quale si può ammirare uno dei più straordinari panorami della città; in un tempo nemmeno troppo lontano fu la meta primaverile preferita dagli studenti che tagliamo da scuola.
Oggi avrebbe bisogno di una serie sistemazione e di tanta sorveglianza in più, per evitare il furto delle poche opere d’arte sopravvissuti ai vandali. Il Comune di Torino ha assicurato che provvederà.

Questa e altre 500 storie le trovate su

laura fezia il giro di torino in 501 luoghi

altri testi scritti da Laura Fezia